giro di boa

SECONDO BILANCIO, ABITUDINI ED EMOZIONI AL GIRO DI BOA DELL’ANNO SCOLASTICO.

Con la Pagella in arrivo …


Ripreso il ritmo scolastico a pieno regime ci troviamo esattamente al giro di boa, a metà dell’anno scolastico. I genitori hanno certamente fatto i colloqui personali con gli Insegnanti dei propri figli e aspettano la “pagella di fine quadrimestre” o più modernamente la “scheda di valutazione”.  In realtà con l’avvento del Registro elettronico in molti istituti i genitori possono seguire online le valutazioni attribuite ai loro figli; ma non tutti hanno questa attenzione, perciò la scheda viene comunque consegnata.

È questo il momento per fare un secondo bilancio dell’anno scolastico in corso. (vedi Primo Bilancio su: http://www.kidspo.it/2018/10/19/primo-bilancio-abitudini-ed-emozioni-un-mese-scuola/ ) Una riflessione che prende le mosse sia dai risultati che i bambini o ragazzi hanno conseguito fino ad ora, sia dal loro modo di vivere la scuola dopo oltre 4 mesi, perché le modalità organizzative che essi utilizzano ci mostrano il livello della loro motivazione e lo stato delle loro emozioni.

Per praticità seguirò la traccia dei 7 suggerimenti utilizzati nel primo bilancio (vedi link sopra).

7 è sempre il numero perfetto:

  • Il buon giorno di vede dal mattino:

com’è il risveglio di tuo figlio al mattino? Sereno o drammatico? A questo punto dell’anno scolastico il buon risveglio dovrebbe essere un’abitudine già consolidata. Se non lo è, ripassa il punto successivo.

  • Un buon combattente affila le sue armi:

l’abitudine di preparare tutto ciò che serve la sera precedente è tuttora in atto o ha bisogno di essere registrata? Se vediamo che non è più costante dobbiamo recuperarla con forza perché aiuta a partire al mattino più sereni e con meno probabilità di errori nel materiale scolastico. Per i più piccoli, meno occasioni di fare capricci e meno ansia.

  • Dalla fine si capisce l’inizio:

continua a tenere osservato il suo rientro da scuola; è un modo per verificare la motivazione allo studio e nel contempo la voglia di dedicarsi anche alle sue passioni. Interessati riguardo a come sta, come si sente più che ai risultati, essi saranno positivi in proporzione a quanto lui/lei starà bene a scuola, coi compagni e con gli insegnanti.

  • Mangia la rana:

è una strategia sempre molto utile, specialmente se ha individuato chiaramente qual è la sua rana. Ti ricordo che partire dal compito più difficile, impegnativo e poterlo depennare dalla lista, alza la motivazione allo studio delle materie successive e rende più produttivo il tempo a disposizione.

  • Shh! … non disturbare!:

diamo un occhiata a come è organizzato il tempo, lo spazio e il luogo dove studia, perché è fondamentale per sostenere una buona attenzione. Gli adolescenti amano chiudersi nella loro stanza dicendo che stanno studiando, diamo loro fiducia, ma poi verifichiamo. Come è andata nei mesi di scuola trascorsi fino ad ora? Ci sono cose da rivedere? Questo è il momento giusto!

  • Dimmi come tieni le tue cose e ti dirò chi sei:

il materiale scolastico che sta utilizzando è certamente usurato dai mesi trascorsi e forse ci sono oggetti che vanno rimpiazzati. Dare una bella rinnovata all’astuccio ed in generale al materiale scolastico, è un modo per rinvigorire la motivazione. Il nuovo aiuta, ma solo ciò che è realmente necessario. Una occhiata anche alla gestione della sua stanza e al riordino serale per riposare bene.

  • Alla sera leoni, alla mattina … poltroni:

se c’è la necessità di rivedere l’ora serale dell’andare a dormire, perché si è portata troppo avanti, questo è il momento dell’anno scolastico per farlo. Infatti si prepara la fine del quadrimestre con le ultime verifiche o interrogazioni e bisogna essere ben riposati. Chi studia va a dormire presto, dopo qualche minuto di una sana lettura.

 

Questi spunti organizzativi ti aiuteranno a rimettere in carreggiata quello che è un po’ deragliato o che semplicemente ha allentato l’impegno e la costanza. Sono un aiuto al tuo compito educativo che, anche attraverso la vita scolastica, deve portare i suoi frutti.

Mi soffermo solo un istante sulla Pagella o Scheda di valutazione, essa è un punto di arrivo e al tempo stesso di ripartenza. Certamente ha il suo valore per verificare il profitto, ma stiamo sempre molto attenti a non identificare i bambini e i ragazzi coi loro voti. Nessuno è il suo voto. Il voto non è un giudizio alla persona, ma solo al suo profitto, rendimento e comportamento scolastico. Sarebbe un grave danno crescere pensando di essere stimati in base ai voti scolastici, oppure considerati degni di attenzione solo se bravi a scuola. Perciò all’arrivo della Pagella non facciamo drammi, prendiamo atto dei risultati, lodiamo quelli buoni e cogliamo l’occasione per dialogare con nostro figlio/a su quelli meno buoni e poi riorganizziamoci di conseguenza. Ci sono ancora 4 mesi e mezzo di scuola, tutto si può fare.

Al giro di boa cerchiamo di prendere il vento!

 

Vuoi conoscere in modo più approfondito queste strategie organizzative? Vuoi essere più competente per sostenere tuo figlio/a? A Febbraio tengo un Corso intensivo a Bologna, erogato da Organizzare Italia. Vedi al link: www.organizzareitalia.com/bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *